I migliori condizionatori monoblocco: confronto

Bestseller No. 1
Olimpia Splendid 01503 Climatizzatore Fisso senza Unità Esterna Unico Air 8 SF, Wi-Fi Ready, Bianco, 1.8 KW
  • Capacita nominale: 1.8 kw in raffreddamento, 1.7 kw in riscaldamento / classe a
  • Installazione a parete in alto o in basso
  • senza unita esterna: all'esterno dell'edificio si vedono solo due griglie per l'aspirazione e l'espulsione dell'aria
  • Silent System: pressione sonora alla minima velocita solo 27 dB (A)
  • Telecomando e App Olimpia Splendid Unico per controllo con smartphone (kit Unico Wi-Fi B1015 acquistabile separatamente)
Bestseller No. 2
Fanair-Fantini Cosmi Climatizzatore 8000 Btu/h Senza unità Esterna-Condizionatore Monoblocco
  • Climatizzatore condizionatore INVERTER
  • Pompa di calore classe A/A
  • Alta resa e bassi consumi
  • Garanzia 2+6 anni
  • Ampia gamma di Climatizzatori portatili e senza unità esterna
OffertaBestseller No. 3
ARGO APOLLO 12 HP - Condizionatore Senza Unità Esterna, 2,35 kW, Pompa di Calore, R32, BIANCO
  • Il climatizzatore senza unità esterna con pompa di calore e gas ecologico R32. FUNZIONALITA’ AVANZATE: 4 in 1: Raffresca, Riscalda, Deumidifica, Ventila
  • TECNOLOGICO: Grazie alla tecnologia DC Inverter , Argo APOLLO garantisce massimo comfort in tutte le stagioni ma consumi contenuti, con un occhio di riguardo alla silenziosità.
  • SMART: Il modulo WiFi integrato ne fa un prodotto anche “smart”. Il WiFi è di serie e, attraverso un’App dedicata, il comfort in ambiente può essere gestito a distanza.
  • GREEN: Utilizza R32, refrigerante a basso impatto sul riscaldamento globale e ad alta efficienza.
  • DIMENSIONI COMPATTE: Argo APOLLO è stato pensato per avere un ingombro minimo senza alcuna perdita di perfomance: infatti ha uno spessore di solo 20 cm.
Bestseller No. 4
Innova - Condizionatore monoblocco senza unita' esterna 2.0 INNOVA - 12 HP, Bianco opaco, A magazzino
  • Tipo: pompa di calore inverter
  • Stile: minimo
  • Installazione: a pavimento o a parete
  • Collezione: 2.0
  • Materiale: metallo
Bestseller No. 5
Consolle monoblocco reversibile e connesso, capacità di deumidificazione 24 l/giorno, flusso d'aria 500 m3/h, regolazione della temperatura: 16-30 °C, telecomando
  • Questo condizionatore mobile 7000 BTU sviluppato da Domair è facile da usare e si trasporta facilmente grazie alle sue maniglie di trasporto. Con il suo design unico e il display digitale sarà perfetto per accompagnarvi quest'estate.
  • Garantie et satisfaction 100% : Nous vous offrons des produits de qualité et fiable avec un service client crépondra chaleureusement, votre satisfaction est notre priorité !

Come scegliere il tuo condizionatore monoblocco

La potenza non è tutto quando si tratta del condizionatore d’aria confezionato. Nella scelta bisogna tenere conto anche del consumo energetico, della semplicità e del livello di rumore.

Criterio n° 1: Fisso o mobile?

Monoblocco significa che il condizionatore non ha nessuna unità esterna, a differenza del condizionatore d’aria split. Il condizionatore portatile monoblocco è molto pratico in estate. Economico, non necessita di alcun intervento, si sposta facilmente, richiede poca manutenzione ed è adatto a diversi spazi (abitazioni, commercio, ufficio). La sua efficacia rimane invece limitata a piccoli spazi e necessita di un’apertura per evacuare l’aria calda.

Un po’ più efficiente di un mobile, il condizionatore fisso monoblocco è disponibile in versione a parete e in a finestra o finestra. In entrambi i casi, i suoi vantaggi si riducono a facilità di installazione, costi ragionevoli, affidabilità e facilità di manutenzione. La superficie raffreddata rimane invece limitata e sarà necessario forare il muro per evacuare l’aria calda. Per non parlare della rumorosità del compressore e della possibile mancanza di estetica.

Criterio n° 2: La capacità frigorifera

Devi assolutamente tenere conto di questo criterio nella scelta. Definisce il velocità alla quale il condizionatore d’aria imballato raffredderà l’aria ambiente in una stanza. Espressa in BTU, questa potenza frigorifera o British Thermal Unit deriva direttamente dalla potenza (in watt) dell’apparecchio. Più potente è il condizionatore d’aria, maggiore sarà il valore BTU.

Tuttavia, l’efficienza di un condizionatore d’aria confezionato non dipende esclusivamente dalla sua potenza BTU. La dimensione della stanza ha molto a che fare con l’isolamento, l’esposizione al sole, l’altezza del soffitto, le fonti di calore e gli occupanti. Contano 8.000 BTU per meno di 20 m², 12.000 BTU tra 20 e 35 m², 18.000 BTU per una stanza da 35 a 40 m².

Criterio n° 3: Il livello sonoro

Buono a sapersi, il condizionatore monoblocco fa più rumore del condizionatore split. Il motore split infatti si trova all’esterno dell’alloggio. Nella maggior parte dei casi, il livello sonoro di un climatizzatore monoblocco varia da 60 a 70 dB, contro i 30 e 40 dB di uno split di fascia alta. Naturalmente, la modalità notturna rende il monoblocco più silenzioso per dormire.

Consigliamo alle persone sensibili al rumore degli elettrodomestici durante la notte di acquistare un condizionatore fisso monoblocco, o addirittura uno split a quasi 2.000 euro. Il motore che permette al monoblocco mobile di raffreddare l’aria ambiente è racchiuso nell’unità posta in camera, motivo per cui il rumore viene percepito meglio.

Da notare

Ad eccezione di alcuni modelli a parete, il condizionatore monoblocco costa meno del condizionatore split. Il prezzo elevato di quest’ultimo è spesso dovuto al suo design. Infatti, il motore del circuito di raffreddamento split si trova all’esterno, il che genera costi aggiuntivi durante l’acquisto e durante l’installazione.

Criterio n° 4: Efficienza energetica

Monoblocchi o split, i condizionatori d’aria sono dispositivi ad alta intensità energetica. Per evitare un vertiginoso aumento della bolletta elettrica, dai un’occhiata all’EER In cui si Rapporto di efficienza energetica, in francese coefficiente di efficienza energetica. Si ottiene dividendo l’energia frigorifera fornita per l’energia elettrica consumata. Un EER basso significa un dispositivo efficiente dal punto di vista energetico.

Sugli imballaggi, l’efficienza energetica è spesso sostituita dalla classe energetica, ad esempio A, A+, A++, B+, D, ecc. Nonostante l’inattendibilità di questo indice, la potenza frigorifera dichiarata (in kW) e l’energia elettrica consumata rimangono indicatori importanti per giudicare le prestazioni del climatizzatore monoblocco. Infine, c’è il COP o coefficiente di prestazione. Più è alto, più efficiente è il condizionatore.

Criterio n° 5: Funzioni aggiuntive

Tutti i condizionatori deumidificano l’aria. In alcuni casi è possibile utilizzare la funzione di deumidificazione indipendentemente dal raffrescamento per controllare il livello di umidità. Allo stesso modo, tutti i condizionatori d’aria monoblocco purificano l’aria utilizzando carbone, HEPA o altri filtri. Alcuni possono trattenere le particelle più fini o addirittura sopprimere gli odori.

Il timer è anche una delle caratteristiche essenziali. Con esso è possibile programmare gli orari di accensione e spegnimento del climatizzatore monoblocco. A parte i comandi frontali posti sull’unità, ogni climatizzatore monoblocco viene venduto con telecomando. Alcuni condizionatori, infine, sono reversibili, cioè convertibili in dispositivi di riscaldamento in inverno.

Il condizionatore monoblocco: come funziona e come si installa?

Gli 11 migliori climatizzatori monoblocco

Principio di funzionamento

Il condizionatore infatti è una pompa di calore che aspira aria calda in una stanza, la raffredda tramite il compressore e ridistribuisce l’aria fredda attraverso la stanza. Un condotto o tubo flessibile consente l’evacuazione all’esterno dell’aria calda e della condensa. Il climatizzatore monoblocco unisce il compressore e il distributore in un’unica unità.

Per aiutare i consumatori a risparmiare denaro, i produttori hanno sviluppato condizionatori d’aria reversibili. Questi dispositivi 2 in 1 sono disponibili anche in versione monoblocco. A differenza dell’aria condizionata, la funzione di riscaldamento del climatizzatore reversibile ripristina più energia di quanta ne consuma ! Il suo COP è più interessante di quello di un riscaldamento convenzionale. D’altra parte, serve solo come riscaldatore ausiliario.

Installazione di un condizionatore d’aria imballato

Posizionare il condizionatore d’aria imballato vicino a una finestra o alla presa d’aria fornita nel muro. Più corto è il circuito di evacuazione, più efficiente sarà l’apparecchio. Inoltre, non allungare il condotto flessibile che permette l’evacuazione dell’aria calda, nonostante la proliferazione di prolunghe su internet. Una guaina troppo lunga può favorire la proliferazione di muffe nell’apparecchio e nell’ambiente.

È possibile installare il condizionatore d’aria imballato portatile senza chiamare un professionista. La posizione scelta dovrebbe essere solo asciutta e chiara. Fissare il condotto di scarico dell’aria calda all’apparecchio e posizionarlo verso l’esterno attraverso una finestra sigillata o un foro nel muro. Assicurarsi che il condotto rimanga il più orizzontale possibile.

Per il condizionatore monoblocco a parete, sarà necessario realizzare un passante a parete per evacuare l’aria calda. In altre parole, dovrai fare un buco! Una volta installato il dispositivo, una griglia di ventilazione consente di nascondere le tracce di perforazioni. Per un’installazione più estetica si può optare per un climatizzatore monoblocco da incasso, con il retro dell’unità rivolto verso l’esterno dell’edificio.

Finalmente, il condizionatore da finestra monoblocco o finestra è il più facile da installare. Tutto quello che devi fare è posizionare il condotto nelle ante della finestra. Per vedere l’effetto che ha, sappi che si trova spesso sopra le porte d’ingresso dei negozi.

I nostri consigli per risparmiare

Un dispositivo ad alta intensità energetica e inquinante, il condizionatore d’aria aumenterà qualsiasi bolletta energetica. Quindi risparmiare denaro è usare il condizionatore d’aria confezionato in modo moderato. Si inizia con lascia correre continuamente, anche se significa ridurre leggermente la sua capacità di raffreddamento quando si esce di casa.

In termini di costi operativi, aspettati un aumento del 15% al ​​mese per un condizionatore d’aria medio, a un ritmo di utilizzo giornaliero di 3 o 4 ore. Per ottimizzare il tuo utilizzo in estate, scegli un climatizzatore monoblocco programmabile, almeno di classe A, con un COP elevato.

Oltre alla scelta del dispositivo, un buon isolamento dell’ambiente da raffrescare riduce il consumo energetico del condizionatore monoblocco. Concretamente, dovrai tenere le persiane chiuse durante il giorno e ventilare la notte. Inoltre assicurarsi di limitare sempre la differenza di temperatura tra interno ed esterno a 7°C. E pulisci regolarmente i filtri.

La scelta del fluido utilizzato avrà anche un impatto sulle prestazioni energetiche del dispositivo e soprattutto sul suo impatto sull’ambiente. Il gas R410A, pericoloso per il clima, viene gradualmente sostituito dall’R290, che beneficia di una minore impronta ecologica. Alcune marche utilizzano il refrigerante R32, il meno inquinante di tutti. Ma i condizionatori d’aria confezionati che li hanno sono spesso i più costosi.

Manutenzione di un condizionatore d’aria confezionato

I 12 migliori climatizzatori monoblocco

Fondamentalmente, la manutenzione di un condizionatore imballato si riduce alla pulizia dei filtri a intervalli regolari, alla sostituzione del refrigerante e allo stoccaggio del condizionatore quando arriva la stagione fredda. Ti spieghiamo come farlo.

Pulizia del filtro

Come il ventilatore, il condizionatore muove un’enorme quantità d’aria. Un dispositivo con filtri intasati degrada la qualità dell’aria nella stanza. È per questo motivo che dovresti pulire i filtri e cambiarli regolarmente. Puoi farlo usando un pennello, uno straccio e un secchio di acqua saponata.

Oltre a pulire i filtri, considera anche la possibilità di spolverare il tuo condizionatore monoblocco usando un aspirapolvere. Passare quest’ultimo attraverso le griglie di ventilazione, che dovrebbero limitare notevolmente la diffusione dell’aria carica di particelle. E ricordati di svuotare regolarmente la vaschetta della condensa per evitare la formazione di muffe.

Gas refrigerante

Il climatizzatore monoblocco è un dispositivo pensato principalmente a beneficio dei privati. La normativa quindi non obbliga gli utenti a un’ispezione o ad un obbligo di manutenzione. Infatti, solo i dispositivi con una potenza superiore a 12 kW o contenenti più di 4 kg di refrigerante sono soggetti a ispezione professionale.

Ovviamente, questa situazione non significa che il tuo condizionatore imballato non sia in alcun modo esposto al rischio di intasamento e altre fughe di gas. Come precauzione, far controllare il dispositivo da un professionista ogni 2 anni. Ciò garantirà che funzioni correttamente prevenendo qualsiasi rischio di perdita di refrigerante.

Riordinare

Finita l’estate, non avrai più bisogno del tuo condizionatore, a meno che non sia reversibile. Prima di scollegarlo, lasciarlo acceso per alcune ore in modalità ventilazione semplice. In questo modo tutti i tubi e le condutture del dispositivo saranno privi di umidità. Eseguire la stessa operazione in primavera, quando torna il caldo.

Altri articoli scritti dai nostri esperti: