I migliori letti Murphy: confronto

Bestseller No. 1
Kevin Murphy KMU189
  • Salone professionale cura dei capelli prodotto
  • Vantaggi tenuta forte & texture opaca e Paraben free
  • Come utilizzare:; Strofinare una piccola quantità tra palme e distribuire uniformemente sui capelli umidi o asciutti.

Come scegliere il tuo letto Murphy

Il letto Murphy è un complemento d’arredo pensato per ottimizzare lo spazio ed è l’ideale quando si dispone di un piccolo interno. Ci sono varie varietà, disegni, amici anche dei disegni nel mercato di oggi. Come scegliere il modello giusto? Tenendo conto dei seguenti criteri:

Criterio n° 1: Tipo

Potrai scegliere tra due principali tipologie di letti a scomparsa: modelli tradizionali integrati nei mobili e modelli scorrevoli che richiedono una nicchia incassata nel mobile o nel muro. Va da sé che è lo spazio a disposizione che dovrebbe determinare la vostra scelta. Se hai spazio per stare nel letto a scomparsa scorrevole, puoi andare. Se invece l’interno è molto piccolo, meglio optare per il modello tradizionale.

Criterio n° 2: Dimensioni

Sempre al fine di ottimizzare lo spazio a disposizione, sarà necessario tenere conto delle dimensioni del letto da voi scelto. Prenditi il ​​tempo per misurare le dimensioni reali e considera la zona notte per evitare sorprese. Il vero vantaggio di scegliere un letto a scomparsa è che puoi attrezzarti con un modello ampio senza essere soggetto a vincoli di spazio. Inoltre, prendi il modello più ampio possibile.

Criterio n° 3: Carico massimo

Ogni letto è dotato di un dispositivo di seduta che determina il carico massimo supportato. Dovrai rimanere al di sotto di questo carico per prolungare la vita del tuo letto. Inoltre, non dimenticare di controllare queste informazioni per ritrovarti con un letto che non soddisfa le tue esigenze. Il carico massimo sopportato da un letto basculante standard oscilla tra 110 e 300 kg. Fai una stima in base al tuo peso, compreso quello del materasso.

Criterio 4: Materiali di progettazione

Non acquistare un letto senza aver passato in rassegna i diversi materiali che lo compongono. Scopri il tipo di telaio, la testa, ma soprattutto gli elementi di fissaggio comprese viti e cerniere. Guarda anche le molle, i martinetti, i materiali delle molle a scatola se ce ne sono e tutti i componenti del letto. Si tratterà di controllare la robustezza, ma soprattutto la fluidità generale dell’impianto.

Criterio n° 5: Progettazione

Quando hai trovato un modello robusto con le giuste dimensioni, dai un’ultima occhiata ai colori e al design generale del tuo letto e dei mobili a cui è integrato. Quando possibile, opta per un letto a scomparsa dai toni neutri o dallo stile autentico in modo che possa essere integrato in tutte le possibili decorazioni. Questo è un elemento decorativo essenziale, quindi è meglio non affrettare questo passaggio.

Letto Murphy: salvaspazio ma non solo!

Il letto Murphy è un complemento d’arredo dalle mille sfaccettature, che presenta il principale vantaggio di essere riposto in un piccolo telaio quando non viene utilizzato. In particolare, consente di ridurre lo spazio dedicato ai mobili, il che consente di aumentare l’area dedicata alla circolazione all’interno di una stanza. Questo risparmio di spazio è il principale vantaggio di questo tipo di letto, ma ne ha molti altri.

Inoltre, grazie a questo particolare lettino, è più facile svolgere le faccende di pulizia. Basta piegarsi o rischiare di affaticare un muscolo quando si sposta il letto, bastano pochi semplici gesti per riporlo nel suo telaio portaoggetti. Inoltre, poiché è conservato in uno spazio quasi ermetico, non accumulerà rifiuti o polvere. Insomma, il letto Murphy è vantaggioso in termini di risparmio di spazio, ma ha anche un altro vantaggio in termini di igiene.

Le diverse tipologie di letti a scomparsa

Attualmente esistono due principali famiglie di letti a scomparsa: tradizionali e scorrevoli. Zoom sulle caratteristiche essenziali di questi due modelli:

Letto a scomparsa tradizionale

Il tradizionale letto Murphy è caratterizzato da un design che gli permette di inserirsi nei mobili. A seconda della gamma di prodotti, potrebbe trattarsi di un armadio, una credenza o un altro mobile abbastanza grande da contenere il letto quando ripiegato. Sempre a seconda del design, ci sono modelli con o senza testiera. Ci sono anche modelli integrati nelle pareti o nel soffitto.

I letti Murphy tradizionali sono i protagonisti del mercato di oggi, come soddisfano perfettamente l’esigenza di risparmiare spazio. Rispetto ai modelli tradizionali, invece, sono più fragili e più soggetti a corrosione, in particolare a livello della seduta.

Letto a scomparsa estraibile

Il più delle volte presentandosi come un letto singolo, questo secondo tipo di prodotto potrebbe essere chiamato anche letto a cassetto. Infatti, la stragrande maggioranza dei prodotti attualmente disponibili si presenta in questa forma, ovvero un letto integrato in un mobile che può, ad esempio, essere trasformato in un tavolo da lavoro.

Anche questa seconda categoria di prodotti è molto apprezzata, ma ha lo svantaggio di avere una nicchia integrata in una parete per soddisfare il criterio del risparmio di spazio. Va da sé che se si tratta di un letto integrato nei mobili, richiederà un’area di contenimento dedicata. Pertanto, il risparmio di spazio non è significativo con questo tipo di letto Murphy.

Altri articoli scritti dai nostri esperti: