Le migliori cippatrici termiche: confronto

Bestseller No. 1
FLIR Scout TK Pocket-Sized Thermal Monocular by FLIR
  • FLIR Scout TK Pocket-Sized Thermal Monocular
  • 6.0" x2"x 2" (L × W × H)
Bestseller No. 2
La Crosse Technology - Sensore Termico Hygro - WSTX21
  • Trasmettitore it+ termo/igro 868 MHz.
  • Dimensioni: 57,3 x 62 x 135,6 mm.
  • Alimentazione: 2 x AA, IEC LR6 (non incluse).
OffertaBestseller No. 3
Ribimex PRBVB2800 Biotrituratore Elettrico, 2800 W, Verde/Grigio
  • Motore 220-240 V ~ 50 Hz.
  • Interruttore avvio/arresto e protezione termica per il riavvio.
  • Maniglia a spinta.
  • Taglio rotativo e contro-taglio regolabile.
  • Inversione del senso di rotazione. Montato su ruote.
Bestseller No. 4
Danfoss 013G2990 RA 2990 - Valvola termostatica, tecnologia a gas, Bianca
  • Elemento termostatico con sensore integrato a Gas, proporzionale automatico a bassa inerzia termica
  • Alzata specifica di 0,37 mm/K
  • Campo di regolazione da -5 a +26° C e protezione antigelo
  • Possibilita di bloccare campo di regolazione
  • Colore Bianco RAL9016. Conforme norma EN215
OffertaBestseller No. 5
Preciva CT480300 Pinze Crimpatrice Terminali Elettrici con 300 Manicotti Piatti Connettore 0.5-1.5 mm²
  • Preciva Pinza crimpatrice per crimpare da 0,5 a 1,5 mm² capicorda non isolati + 150 manicotti piatti maschio e 150 femmina
  • Grazie alla funzione a cricchetto, i manicotti piatti sono estremamente facili da applicare e sono perfettamente bloccati.
  • Struttura maneggevole, facile da tenere in mano; rinforzo della forza grazie alla leva del ginocchio
  • Robusta scatola con divisori per tre misure: 6,3 mm. Morsetto a crimpatura: 0,75-1,5 mm²/AWG 20-16; 4,8 mm. Morsetto crimpato: 0,75-1,5 mm²/AWG 20-16; 2,8 mm. Morsetto a crimpatura: 0,5-1,0 mm²/AWG 22-18 mm
  • Preciva Set di pinze a crimpare piatte per l'uso quotidiano in officina e industriale

Come scegliere il tuo biotrituratore termico

La scelta del termotrituratore deve essere determinata in base al tipo di utilizzo e al diametro delle piante da triturare, in particolare quello dei loro rami. Ecco tutti i criteri essenziali.

Criterio n° 1: Motore

Le macchine dotate di motore a benzina monocilindrico 4 tempi (senza piombo) da 250 cm³ a ​​500 cm³ con potenza da 6 HP a 18 HP consentono già la triturazione in continuo di grandi quantità di piante e rami fino a 100 mm di diametro . I moderni motori a benzina non emettono troppi inquinanti o rumori, soprattutto quando sono in funzione. I frantoi con motore diesel sono destinati all’uso professionale. Possono trattare tutti i tipi di vegetazione e rami fino a 300 mm di diametro.

Criterio n° 2: Tipi di terreno

Frutteti e parchi richiedono l’utilizzo di una trincia termica carrellata. Lo stramazzo di questo dispositivo consente lo stoccaggio diretto dei rifiuti nel cassone del trasportatore. Se lo spazio per lavorare è molto ampio, avrai bisogno di una trincia che pesi meno e che puoi trainare dietro la tua auto, camion, microtrattore o quad. Per grandi aree consigliamo anche un modello che funzioni con un sistema di taglio a turbina o che sia potente con almeno 3300 W. Tale dispositivo è ideale anche per legni duri come alcuni rami di alberi da frutto.

Criterio n° 3: Livello di rumore

Il livello sonoro di un apparecchio termico può raggiungere i 105 dB. Scegli un modello che emetta meno rumore. In effetti, un trituratore per piante a basso rumore non rischierà di disturbare i tuoi vicini. Tuttavia, per motivi di salute, dovresti sempre indossare auricolari protettivi. Hai la possibilità di acquistare separatamente i pad per la cancellazione del rumore con un piccolo budget.

Buono a sapersi :

Alcuni produttori hanno dotato le loro cippatrici di un gancio di traino manuale. Pertanto, i loro dispositivi possono essere trainati su un tosaerba, un mini trattore o un ATV fuori dalle autostrade e dalle strade principali.

Criterio n° 4: Opzioni

Puoi scegliere una smerigliatrice termica in base alle opzioni: ruote (per facilitare il trasporto), la funzione pieghevole (per limitare l’ingombro)… La cosa più importante secondo noi è avere a disposizione uno spintore. Questo elemento permetterà ai rametti di crescere senza avvertire vibrazioni. Inoltre, in caso di inceppamento, un sistema a rotore consentirà di sgomberare le piante in pochissimo tempo, perché è sufficiente cambiarne il senso di rotazione.

Criterio n° 5: Versatilità

Alcune trinciatrici multifunzionali moltiplicano o combinano i sistemi di taglio, alcune per piante delicate e altre per ramoscelli e rami più spessi. I sistemi rotanti oa turbina sono spesso dotati di un vassoio raccogligocce o di un sacchetto situato sotto l’unità. Non è quindi necessaria l’installazione di una presa. Alcuni collettori hanno il vantaggio di essere almeno parzialmente trasparenti, in modo che sia facile vedere il loro livello di capacità.

Quali sono le caratteristiche di un trituratore per impianto termico?

Per molto tempo la pacciamatrice termica è stata destinata solo ai professionisti del giardino. Infatti il ​​macinino di una centrale termica ha una potenza 5 volte maggiore di quello di un macinino elettrico. Più costoso da acquistare, funziona a carburante.

Viene utilizzato per un ampio giardino, solitamente di oltre 500 mq. La smerigliatrice termica è destinata ad un uso frequente. Lo consigliamo quindi per tagliare rami più spessi.

Ha una potenza fino a 66.000 W. I più potenti sono addirittura dotati di un motore da 9 HP. Con un’unità di triturazione termica, puoi distruggere la vegetazione fitta in tempi record.

Infatti, la presenza di un filo elettrico non interferisce con i tuoi movimenti. Puoi lavorare continuamente su un gran numero di superfici per lunghe ore. Si noti, tuttavia, che la versione termica è molto più rumorosa della versione elettrica.

Le diverse tipologie di trituratori per centrali termiche

Distinguiamo le seguenti tre tipologie di trincia: trincia termica a coltelli, trincia a flagelli e trincia a lama fissa.

Frantoio a coltello

Il motore a combustione comanda la rotazione del disco su cui sono posizionate le lame di taglio. Mentre scendono sotto il loro stesso peso sul disco, le piante vengono triturate da passaggi di coltelli, quindi i rifiuti triturati cadono per gravità attraverso una diga.

Il sistema di affilatura dei coltelli è il più semplice e il meno energivoro. È adatto a vegetazione soffice (rametti, erbe, foglie), ma può essere satura di volume e limitata dai piccoli diametri dei rami. Di norma, un coltello è montato su piccole smerigliatrici termiche a benzina.

Trinciasarmenti

Il tamburo motorizzato può avere da 12 a 24 lame, solitamente queste sono dotate di taglienti a forma di “Y”. Il tamburo spinge le piante dalla grondaia, le sminuzza con i flagelli, quindi convoglia i rifiuti attraverso lo scivolo (giraffa) verso un bidone di raccolta.

Questo sistema di affilatura è molto efficiente, ma richiede più potenza dell’affilatura a coltello. Le trinciatrici a flagelli sono quindi sufficientemente potenti, alcune funzionano a benzina e altre sono modelli diesel.

Trituratori a coltelli fissi

Quest’ultimo tipo di smerigliatrice termica unisce il tamburo di alimentazione ai coltelli, ma qui le lame sono fisse ed i rami ruotano in modo rotatorio attorno ai coltelli. Il tamburo permette di introdurre questa massa nello scivolo di scarico e di proiettare i trucioli attraverso la giraffa.

Il sistema a coltelli fissi è molto potente ed è installato solo su trituratori diesel ad alta potenza.

Il rumore

Nota che una smerigliatrice termica è molto più rumorosa di una smerigliatrice elettrica. Fornisci cuffie con cancellazione del rumore per non mettere le tue orecchie in un calvario!

Altri articoli scritti dai nostri esperti: