Le migliori plancha a gas: confronto

Bestseller No. 1
H.Koenig Piastra a Gas in Acciaio Inox PLX830, Piastra da 5 mm, 63,5 x 36 cm,3 Fuochi inox,Distribuzione Uniforme del Calore, Temperatura fino a 350°C
  • Superficie di cottura: 63,5 x 36 cm
  • 3 bruciatori in acciaio inossidabile
  • Telaio e piastra di cottura liscia in acciaio inox 5 mm
  • Temperatura regolabile fino a 350 °C
  • Distribuzione omogenea del calore
Bestseller No. 2
FireFriend BQ-6395, Piastra a Gas, con 3 Fornelli
  • La piastra a gas è dotata di tre bruciatori che creano diverse zone di calore
  • L’ampia piastra di cottura in ghisa smaltata è facile da pulire
  • Avrai tutto lo spazio che ti serve per preparare un intero pranzo, con l’ampia superficie di cottura di 72 x 41,6 cm
  • I bruciatori in ghisa hanno una potenza totale di 7,2 kW
  • Ancora più facile da usare grazie all'accensione piezoelettrica e lo scarico per il grasso
Bestseller No. 4
Be Nomad doc194 Piastra Gas 4 bruciatori
  • Piastra a gas 4 fuochi
  • Adatto per 14 a 16 persone
  • Piastra di cottura smaltata 77 x 34 cm
  • Subwoofer acciaio
  • Tubo e regolatore non inclusi
OffertaBestseller No. 6
Sochef Golosone 4 Barbecue, Nero/Acciaio, 57x136x115 cm
  • Sistema di cottura con Pietra Lavica o Australiano (entrambi in dotazione)
  • 4 Bruciatori in acciaio inossidabile, Potenza 17 Kw, Fornello laterale
  • Area di cottura 72.2x43.8 cm allestita con 2 griglie in ferro smaltato, 1 piastra in ghisa
  • Coperchio e Plancia di comando in acciaio inossidabile
  • Indicatore di temperatura, Alloggio bombola coperto, Dispensa con ante
Bestseller No. 7
Campingaz Attitude 2100 LX griglia a Gas, griglia da Tavolo Portatile, 2 bruciatori in Acciaio, Potenza di 5 kW, griglia a Gas per Campeggio con Coperchio, termometro, griglia e plancha in ghisa
  • GRANDEZZA COMPATTA, POTENZA: 2 bruciatori Blue Flame con potenza di 5 kW danno un calore uniforme alla superficie della griglia; griglia da tavolo compatta (65 x 52 x 36 cm) per balcone e terrazza
  • AMPIA SUPERFICIE DELLA GRIGLIA: la griglia portatile a gas, malgrado la compattezza, ha una superficie in ghisa smaltata di 58 x 36 cm, più ampia di quelle della concorrenza
  • VARIE OPZIONI DI GRIGLIA: grazie alla piastra utilizzabile su due parti e alla griglia Culinary Modular in ghisa per inserti Culinary Modular come pietra refrattaria per pizza, spiedo o padella
  • PULIZIA SEMPLICE e RAPIDA: con vaschetta raccogli-grasso estraibile; le parti interne, con il sistema InstaClean, possono essere tolte dalla griglia a gas e pulite in lavastoviglie dopo il prelavaggio
  • DOTAZIONE DI ECCELLENZA: accensione elettronica, coperchio con termometro, piastra per griglia, griglia Culinary Modular, peso 23,9 kg, dimensioni 65 x 52 x 36 cm; consumo di gas 360 g/h

Come scegliere la tua plancha a gas

Criterio n° 1: Potenza

Questo criterio è di fondamentale importanza. Espressa in watt o kilowatt, la potenza di una piastra a gas ne determina la velocità di cottura. Dovrebbe essere a 5 kW minimo per rosolare la carne, un po’ meno per la cottura di verdure e pesce. La maggior parte dei bruciatori ha un quadrante indipendente per regolare l’uscita.

Criterio n° 2: Il numero di bruciatori

Una plancha a gas ha 2, 3 o 4 bruciatori in acciaio, acciaio inossidabile o ghisa. Più c’è, più uniformemente si distribuisce il calore. Le impostazioni indipendenti consentono diverse temperature sulla piastra. In questo modo una parte della superficie di cottura viene utilizzata per rosolare mentre l’altra mantiene il cibo caldo.

Criterio n° 3: La superficie di cottura

Più grande è la teglia, più ospiti puoi ospitare. Tra 30 e 40 cm di lunghezza, il piano di cottura dovrebbe essere sufficiente per 4-6 persone. Da 50 a 60 cm di lunghezza, potresti ospitare fino a 10 persone. E tra 70 e 90 cm, la superficie di cottura consentirà di cucinare da 10 a 15 persone.

Carburante

La maggior parte dei gas plancha funziona con propano e butano, confezionati in bottiglie da 6 o 13 kg. Ma ci sono differenze. Il propano è più resistente al freddo. Quindi puoi usarlo all’aperto. Inoltre, questo gas deve imperativamente rimanere all’esterno della casa. Per uso interno, il butano è l’ideale. Equipaggia la tua plancha con un regolatore adattato al gas scelto. L’accensione piezoelettrica e la termocoppia di sicurezza facilitano l’utilizzo del dispositivo.

Criterio n° 4: La piastra di cottura

I produttori utilizzano 4 materiali per progettare il piano cottura per plancha a gas: acciaio, acciaio inossidabile, ghisa e cromo duro. La capacità del piano di trattenere il calore e di distribuirlo, la sua durata e la facilità di pulizia dipendono dal materiale. Anche il prezzo, il cromo duro è il più costoso. Dobbiamo anche considerare lo spessore della teglia. Troppo sottile, rischia di deformarsi ad alta temperatura e non durerà a lungo. Più è spesso, più la sua inerzia termica gli permetterà di trattenere il calore. Se possibile, opta per una plancha con un piatto di 6 mm di spessore o più.

Criterio n° 5: Accessori

Alcuni plancha a gas hanno un carrello estraibile con ruote. Puoi acquistarne uno se la tua plancha a gas non ne ha uno. Una piano cottura ribaltabile ha anche una certa utilità, in particolare per cuocere il cibo nel suo stesso succo o per evacuare facilmente. il coperchio è solitamente disponibile come opzione. Idem per la copertina. Infine, prenditi il ​​tempo per scegliere il utensili adatti. Una lunga forchetta, un coltello, una spatola larga e una pinza sono sufficienti per cuocere e pulire la plancha a gas. Utilizzare utensili in acciaio inossidabile, un materiale insensibile alla corrosione, a bassa temperatura e facile da pulire.

Che materiale per il piano cottura?

Le migliori plancha a gas 9

La fonte

Nonostante la sua pesantezza, questo materiale aumenta rapidamente di temperatura. È ottimo per distribuire e trattenere il calore. Preferisci la ghisa smaltata alla ghisa grezza. Quest’ultimo, infatti, tende ad aggrapparsi al cibo pur essendo soggetto ad arrugginirsi.

Acciaio

Di solito è acciaio laminato al carbonio, un materiale accessibile che distribuisce bene il calore. Tuttavia, la piastra in acciaio trattiene il calore per un periodo di tempo più breve rispetto a quelle in ghisa. Con un rivestimento antiruggine e antiaderente, l’acciaio smaltato singolo o doppio aumenta di temperatura meno rapidamente rispetto all’acciaio laminato.

Acciaio inossidabile

Più comunemente noto come acciaio inossidabile, questo materiale è popolare tra i professionisti. In particolare, garantisce un’igiene impeccabile pur avendo una durata notevole. D’altra parte, l’acciaio inossidabile è meno efficace dell’acciaio o del cromo nella conduzione del calore.

Cromo duro

È il materiale per teglie più costoso. Offre un’eccellente distribuzione del calore, resiste a temperature molto elevate, è facile da pulire ed è resistente alla ruggine e ai graffi. In generale, ci vogliono 1000 euro o più per acquistare una plancha a gas con una piastra cromata dura.

Controlla la qualità della smaltatura

Lo smalto è una protezione applicata a tutta la piastra di cottura. Viene utilizzato per aumentare la resistenza dell’acciaio e della ghisa alla ruggine e alla corrosione. Più spesso è lo smalto, più robusto sarà il piatto.

Come mantenere una plancha a gas?

Le migliori 10 plancha a gas

stagionatura

Se la tua piastra di cottura è in acciaio, ghisa o acciaio inossidabile, dovrà essere stagionata prima di utilizzarla per la prima volta. In questo modo, il cibo non si attacca e la pulizia sarà rapida. Le piastre in acciaio smaltato e cromo duro non necessitano di stagionatura.

Per una piastra in acciaio, è meglio iniziare sgrassando con aceto bianco. Una volta che il piatto si sarà asciugato, cuocere a 250°C. Una tale temperatura farà apparire una glassa marrone e antiaderente sulla superficie di cottura. Ripetere questa operazione per completare il condimento.

Se hai una piastra in acciaio inossidabile, puliscila e scaldala per farla asciugare. Quindi cuocere sulla teglia per 5-10 minuti in modo che l’acciaio inossidabile grezzo assorba il grasso dal cibo. Come per l’acciaio, ripetere l’operazione più volte fino a formare una vernice antiaderente marrone.

Pulizia

Il metodo più efficace è usare l’aceto bianco. Versatene un po’ sul piano di cottura ancora caldo, che lo farà bollire all’istante. Così i depositi di cibo si staccheranno e dovrai solo raschiare i residui ostinati con una spatola dai bordi arrotondati. Il succo di limone offre gli stessi risultati, ma è più corrosivo.

Una volta che il piatto è perfettamente pulito, passaci sopra un tovagliolo di carta imbevuto di olio da cucina. Per una prima pulizia può bastare un filo di acqua tiepida e una spugna umida. Chi ha fretta può aspettare dopo il pasto per pulire e preriscaldare la piastra di cottura per non dover strofinare!

Se il tuo piatto ha un rivestimento smaltato, la pulizia dovrebbe richiedere uno sgrassatore e una spugna. Per evitare di graffiare lo smalto, evitare o ridurre al minimo i graffi con utensili duri come una spatola. Dopo aver pulito una piastra smaltata, applicare olio da cucina sull’intera piastra.

Essendo l’umidità il punto debole delle planchas, pulire accuratamente l’apparecchio dopo la pulizia. Molti utenti consigliano di versare cubetti di ghiaccio o acqua fredda sulla piastra ancora calda. A meno che tu non abbia una plancha cromata dura, evita questa pratica. Infatti, lo shock termico non favorisce la longevità del dispositivo.

Oliatura

Prima di riporre la plancha, la superficie deve essere oliata, compresi i lati. Questa operazione è valida anche dopo un periodo di ibernazione. Qualsiasi olio da cucina andrà bene, purché si depositi in uno strato sottile. Oltre a proteggere l’apparecchio, l’oliatura facilita la cottura dopo un lungo periodo senza utilizzare la plancha.

Riordinare

Conserva la tua plancha lontano dall’umidità. Per evitare di sporcarlo o danneggiarlo, copri la plancha con una copertura o un telone. Se viene fornita una copertura, ancora meglio! Prima di riordinare, non dimenticare di svuotare e pulire il sifone. Questo ti farà risparmiare spiacevoli sorprese la prossima volta che lo utilizzerai.

Cosa fare in caso di ruggine?

Inizia strofinando la piastra arrugginita con un detergente adatto. Quindi, strofinare delicatamente la lana d’acciaio con la paglia. Pulisci con uno straccio o un tovagliolo di carta, quindi stendi un sottile strato di olio d’oliva. Pulisci di nuovo assicurandoti che lo strato di olio sia distribuito uniformemente. Infine, accendi il dispositivo. Raschiare delicatamente la teglia con una spatola dai bordi arrotondati dall’alto verso il basso e viceversa per non graffiare la superficie. Devi solo pulire.

Altri articoli scritti dai nostri esperti: